Quanto è sicuro da usare il repellente per insetti quando si è incinta?

Quanto è sicuro da usare il repellente per insetti quando si è incinta? 2
Tempo Di Lettura: 7 minuti
Gli Insetti fanno parte del nostro ambiente. Mentre alcuni possono essere innocui, altri possono essere pericolosi e dovrebbero essere tenuti a bada con l’aiuto di repellenti per insetti.Ma se sei incinta, potresti trovarti in un dilemma sull’uso di repellenti per insetti in casa, dato che alcuni degli ingredienti di questi repellenti potrebbero colpire te o il tuo bambino. Questo post vi aiuta a scoprire se e come potete usare in sicurezza un repellente per insetti durante la gravidanza.

Che cosa sono i repellenti per insetti?

I repellenti per insetti sono spray, oli o lozioni che, applicati sulla pelle, sui vestiti o sulle reti da letto, impediscono agli insetti di mordere. Riducono la probabilità di morsi di zanzare, ragni, mosche o zecche, riducendo così le possibilità di malattie gravi come la malaria, il virus Zika, il virus del Nilo occidentale o la malattia di Lyme causata da questi insetti. Poiché queste malattie sono molto dannose per voi e il vostro bambino, è essenziale utilizzare repellenti per prevenire le punture di insetti.

È sicuro utilizzare repellenti contro gli insetti in gravidanza?

Sì, i repellenti per insetti sono considerati sicuri durante la gravidanza quando li usate come raccomandato. La maggior parte dei repellenti per insetti contiene una sostanza chimica attiva, il DEET (N, N-dietil-meta-toluammide), che è un insetticida efficace e sicuro da usare in quantità limitate (la concentrazione raccomandata di DEET è del 35% – 50%).

Che tipo di repellenti per insetti sono sicuri per le donne incinte?

I repellenti per insetti registrati presso la US Environmental Protection Agency (EPA) sono sicuri da usare come indicato.

1. DEET:

Si tratta di un principio attivo presente nelle marche di repellenti per insetti più comuni. In uso da molti anni, DEET è più efficace contro zecche e zanzare. La maggior parte dei repellenti, disponibili sotto forma di spray, olio o lozione che può essere applicato sulla pelle o sugli indumenti, hanno dal 10 al 25% circa di DEET. Un preparato contenente il 25% di DEET vi proteggerà fino a 10 ore, mentre concentrazioni più basse offrono protezione per una durata più breve.

2. Picaridina:

È altrettanto sicuro ed efficace di DEET se usato nelle stesse concentrazioni. Funziona contro le zanzare, moscerini morsi e chiggers. Un preparato con picaridina fino al 20% di picaridina protegge contro gli insetti per almeno quattro-otto ore. È presente in repellenti di marche come Cutter, Avon, Go Ready, Sawyer, Walgreens e Repel.

3. IR353535:

Utilizzato nel continente europeo per molti anni, IR353535 è noto per il funzionamento su zanzare e zecche a zampe nere. La maggior parte degli studi dimostrano che fino al 20% di IR35353535 in una preparazione proteggerà contro le zanzare per circa quattro o sei ore. Tuttavia, ci sono pochi studi sul suo uso e gli effetti sulla gravidanza umana. Quindi controllare con il medico prima di usarlo. 4. PMD (paramnantano-3,8-diolo): Si tratta di una versione sintetica dell’olio di limone eucalipto, ed è efficace quanto minori concentrazioni di DEET. Offre protezione contro zanzare, moscerini e mosche. Un preparato con circa il 10% di PMD fornisce fino a due ore di protezione.

4. PMD (para-menthane-3,8-diol):

Si tratta di una versione sintetica dell’olio di limone eucalipto, ed è efficace quanto minori concentrazioni di DEET. Offre protezione contro zanzare, moscerini e mosche. Un preparato con circa il 10% di PMD fornisce fino a due ore di protezione.

5. 2-undecanone (metil nonil chetone):

È una sostanza chimica derivata da piante di ruta, chiodi di garofano, zenzero e banane. Viene utilizzato principalmente nell’industria degli aromi e della profumeria, ma anche come repellente per insetti e animali. È anche usato come repellente per cani e gatti o come aiuto all’addestramento. La preparazione con l’8% di questo prodotto chimico vi proteggerà dalle punture di zanzara per tre-cinque ore.

6. Miscele di olio vegetale:

Alcuni dei repellenti ad alte prestazioni sono fatti di oli vegetali, tra cui geranio, cocco, noce di cocco, cedro, soia, citronella, ricino, rosmarino e olio di menta piperita. Tuttavia, non sono efficaci come altri repellenti poiché non funzionano in zone con malattie trasmesse dagli insetti. Inoltre, i diffusori di citronella sono più efficaci rispetto alle candele di citronella nel tenere lontani gli insetti.Prestare attenzione quando si utilizza un repellente per insetti, sia che si tratti di DEET o di un equivalente erbaceo più mite quando si è incinta.

Precauzioni durante l'uso di repellenti per insetti in gravidanza

Precauzioni durante l’uso di repellenti per insetti in gravidanza
Le seguenti precauzioni di sicurezza riducono al minimo il rischio di reazioni avverse ai repellenti per insetti:

  • Applicare i repellenti come indicato sull’etichetta. Applicare solo sulla pelle o sui vestiti esposti, ma non sotto gli indumenti.
  • Non utilizzare su ferite, tagli e pelle irritata.
  • Non applicare su viso, bocca o occhi. Evitare di spruzzare direttamente sul viso. Invece, spruzzare un po’ di repellente sulla mano e applicare sul viso.
  • Evitare l’applicazione in eccesso, in quanto ciò non vi darà una protezione migliore o prolungata.
  • Lavare adeguatamente la pelle trattata prima di mangiare o bere acqua.
  • Se si verifica una reazione, smettere di usarlo e lavarlo immediatamente. Consultare il medico.

L’uso non necessario di repellenti a base chimica dovrebbe essere evitato per evitare complicazioni durante la gravidanza.

Può l'uso di repellenti per insetti durante la gravidanza causare difetti di nascita?

Non ci sono molti studi di supporto che indicano che l’uso di repellenti per zanzare può causare difetti di nascita nei bambini. Tuttavia, uno studio afferma che un difetto di nascita nei ragazzi, chiamato ipospadia (dove l’apertura del pene è sul lato inferiore ma non sulla punta), era comune nel caso di donne che hanno usato repellenti per le zanzare durante il primo trimestre, anche se l’affidabilità della ricerca era discutibile. Gli studi sulle donne che hanno usato DEET hanno mostrato risultati avversi ma non molto. Ulteriori ricerche che collegano la gravidanza e l’uso di repellenti per insetti è essenziale per giungere a una conclusione definitiva.

Quali sono gli effetti collaterali dei repellenti degli insetti sulle donne incinte?

Quando non utilizzati come indicato, i repellenti per insetti possono avere alcuni possibili effetti collaterali, tra cui:

  • Irritazione cutanea, se hai una pelle sensibile o se hai usato un repellente DEET.
  • Alte concentrazioni possono colpire il sistema nervoso centrale, causando crisi epilettiche e mal di testa.
  • La picaridina irrita la pelle ma non tanto quanto il DEET.

Un’alternativa più sicura ai repellenti a base chimica sono i repellenti naturali o organici a base di piante.

Repellenti naturali degli insetti durante la gravidanza

I repellenti naturali per insetti potrebbero essere migliori per coloro che hanno la pelle sensibile e vogliono ridurre l’esposizione alle sostanze chimiche. Alcune alternative sicure includono:

  • Zanzariere e maglie
  • Candele di citronella, citronella, lavanda o candele di eucalipto che bruciano
  • Lampade in terra con olio di neem per tenere lontani gli insetti.
  • Tagliare piccoli pezzi di aglio e cospargere intorno alla zona giorno all’aperto.
  • Posizionare il basilico santo (Tulsi) pianta, vicino alla finestra, per evitare che zanzare e insetti entrino all’interno.
  • La pianta di erba gatta è utile anche perché contiene un componente chiamato Nepetalactone, che è noto per essere dieci volte più forte del DEET.

In seguito, rispondiamo ad alcune altre domande correlate.

Domande Frequenti​

Non ci sono ricerche che indicano rischi per il bambino se il padre usa repellenti per insetti prima o al momento del concepimento. È improbabile che le esposizioni degli uomini aumentino i rischi legati alla gravidanza.
Non applicare DEET o altri repellenti per insetti sotto i vestiti, in quanto provoca irritazioni cutanee.
Riapplicare il repellente come indicato. Seguire le istruzioni per sapere con quale frequenza è necessario applicarlo. Verificare la presenza di condizioni quali sudore, pioggia o umidità elevata che potrebbero richiedere un’ulteriore applicazione del repellente. Non riapplicare se non si è morsi.
Le donne incinte attirano più insetti o zanzare per due motivi. Una spiegazione è che le mamme in attesa respirano pesantemente e rilasciano più anidride carbonica che attira insetti/zanzare. Un altro è che l’acido lattico rilasciato con il sudore tende ad attrarre gli insetti.
È essenziale considerare i repellenti per la gravidanza se i benefici superano di gran lunga i rischi. Ma dovreste trovare il modo di ridurre le vostre possibilità di attrarre zanzare e altri insetti mantenendo l’ambiente circostante pulito. Non lasciate che l’accumulo di acqua sporca intorno ai locali della vostra casa, usate le maglie delle finestre o delle porte e indossate indumenti coperti per prevenire i morsi.
Scroll to Top