Rimedi contro il dolore alla spalla di notte

Rimedi contro il dolore alla spalla di notte 2
Tempo Di Lettura: 13 minuti

Dicono che il tempo guarisce tutte le ferite, ma chi ha detto che non ha mai provato a dormire con il dolore alle spalle.

Per coloro che soffrono di dolori alla spalla o lesioni alla cuffia dei rotatori, può sembrare quasi impossibile mettersi a proprio agio di notte e trovare una posizione di sonno che non sia dolorosa.

E a differenza di altre lesioni, coloro che hanno a che fare con questa parte del corpo possono richiedere secoli per guarire. Alcune persone possono non ottenere il sollievo completo e devono trovare modi creativi per alleviare il dolore alle spalle durante la notte.

Anche se a volte può sembrare senza speranza e frustrante, ci sono cose che puoi fare per aiutare con il dolore e potenzialmente promuovere la guarigione. L’efficacia dei suggerimenti forniti in questo articolo dipenderà dalla causa del dolore, così come da altri fattori come l’età e la salute generale. Tuttavia, abbiamo fatto un sacco di ricerca in questo settore, e crediamo che troverete almeno alcuni di questi suggerimenti molto utili.

Cause del dolore al muscolo deltoide / bracciale dei rotatori

1. Strappi

Quattro muscoli costituiscono la cuffia dei rotatori, e spesso la fonte del dolore alla spalla è uno strappo in uno dei muscoli della cuffia dei rotatori. Questo tipo di problema è relativamente comune, con circa due milioni di persone negli Stati Uniti in cerca di cure mediche.

Gli strappi possono verificarsi con lesione improvvisa come una caduta, o possono accadere nel tempo da movimenti ripetitivi o degenerazione. E ‘fondamentale per riposare quando il danno è presente. Trascurare il trattamento o continuare a sottolineare quest’area può far sì che lo strappo diventi ancora più grande.

2. Cattiva postura

Una postura non corretta può causare tensioni e pressioni disomogenee su ossa, muscoli e legamenti. Per le persone che hanno una postura del capo in avanti, il rischio di dolori alle spalle aumenta.

La postura della testa in avanti si ha quando si guarda troppo spesso verso il basso invece di mantenere il livello della testa. L’aumento dell’uso dello smartphone è una delle ragioni principali per la postura della testa in avanti.

3. Sovraffaticamento

Immagina la tua spalla come una palla all’interno di una presa. C’è un range di movimento a 360 gradi, così puoi fare ogni tipo di cose con questa parte del tuo corpo! Il pericolo è una lesione o dolore dovuto a uno sforzo eccessivo.

Non è necessario essere un atleta professionista per soffrire di sovraffaticamento. Anche una maratona di pittura stravaganza di un recinzione o esagerare giocando a tennis con i vicini di casa potrebbe causare abbastanza sforzo per farvi rimpiangere per settimane o mesi. quel ultimo set.

4. Lesioni da lavoro ripetitivo

Se la tua professione è fisica, sei a maggior rischio di lesioni o dolori alla cuffia dei rotatori. I lavori di costruzione sono noti per avere questo tipo di dolore. Gli atleti tendono anche a soffrire di lesioni da lavoro ripetitivo.

Tuttavia, non devono essere movimenti drammatici o a movimento completo che causano lesioni da lavoro ripetitivo. Qualsiasi cosa fatta più e più volte può avere lo stesso effetto. Un barista che solleva e muove tazze di caffè tutto il giorno potrebbe anche creare un infortunio sul lavoro ripetitivo.

5. Invecchiamento

Con l’avanzare dell’età, i nostri corpi cominciano a consumarsi. Mentre possiamo rallentare il processo con scelte sane e uno stile di vita attivo, l’inevitabile marcia del tempo vincerà sempre alla fine. Questi tipi di lesioni e il dolore ad esse associato sono, purtroppo, più comuni negli individui di età superiore ai 40 anni.

6. Osteoartrite

L’osteoartrite è spesso associata alle persone anziane, ma anche i giovani possono sperimentarla. La degenerazione da età o lesioni può portare all’osteoartrite. C’è anche una componente genetica, quindi se i tuoi genitori ce l’avessero, è più probabile che lo otterrai anche tu.

7. Spalla congelata

La spalla congelata non ha niente a che fare con il freddo. Si tratta, tuttavia, di una condizione associata alla rigidità dell’articolazione congelata. Conosciuta anche come capsuliti adesive, è caratterizzata dall’immobilità dell’articolazione.

Spesso, la condizione inizia sottilmente ma peggiora nel tempo. Può guarire da solo nel corso di due o tre anni, ma per coloro che non vogliono aspettare così a lungo, ci sono soluzioni come lo stretching, la chiropratica e anche specifiche iniezioni dal medico.

8. La dislocazione

La mobilità di questa articolazione rende la dislocazione una lesione comune. L’omero (osso superiore del braccio) viene spinto fuori dalla cavità. Il primo passo è quello di farla rimettere in posizione da un professionista medico addestrato e poi immobilizzata per la guarigione.

Il processo di guarigione può richiedere da 12 a 16 settimane, e a volte è necessario un intervento chirurgico.

9. Tendinosi

La tendinosi è una forma di tendinite cronica che risulta dalle lacerazioni a livello cellulare piuttosto che nei tendini stessi. Mentre la tendinite è associata all’infiammazione, chi soffre di tendinosi non mostra infiammazione, rendendo queste due condizioni nettamente diverse.

10. Tendinite

L’infiammazione della cuffia dei rotatori della spalla è spesso dovuta a movimenti ripetitivi o “microtraumi” costanti. Le persone si lamentano spesso di dolore continuo e di clic quando soffrono di tendinite.

Come alleviare il dolore alla spalla di notte

1. Posizione di riposo

Nei casi in cui il dolore è particolarmente forte, è possibile dormire in posizione semi reclinata, sia su una sedia reclinabile o su un letto regolabile. Tuttavia, questa posizione di riposo non è ideale a lungo termine.

Se avete a che fare con dolore cronico o vi aspettate che ci voglia una quantità significativa di tempo per riprendersi da un infortunio, sarà meglio trovare una posizione che si può tollerare.

Ecco alcune opzioni da provare:

  1. Dormire sul lato che non ha il dolore alla spalla. Spesso togliere peso e pressione dall’area colpita fornisce sollievo.
  2. Dormire sul lato che ha il dolore alla spalla. In rari casi, esercitare una pressione sul lato ferito potrebbe diminuire il dolore. E ‘un po ‘come mettere pressione su una ferita per comprimerlo e facilitare la nitidezza della sensazione.

Dormire sulla schiena. Abbiamo visto rapporti che mettono in guardia contro questo, ma non con regolarità o con argomentazioni solide. Sdraiato sulla schiena aiuta a distribuire uniformemente il peso. Se il dolore alla spalla è vicino alla parte anteriore, questa posizione mantiene anche la pressione fuori pressione. Tuttavia, se il dolore alla cuffia dei rotatori si trova sul lato posteriore dell’articolazione, la situazione potrebbe peggiorare.

2. Pianificazione del sonno

Il mantenimento di un programma di sonno di routine è utile per dare sollievo e assicurare che si ottenga la giusta quantità di riposo. Mentre può essere più difficile addormentarsi quando si soffre, non dormire a sufficienza può risultare in irritabilità, tempi di guarigione più lenti e privazione del sonno.

Fai uno sforzo per andare a letto alla stessa ora ogni notte. Può aiutare a fare qualcosa di rilassante prima di andare a letto, come bere una tazza di tisana o fare un bagno caldo e rilassante per i muscoli.

3. Stretching per le spalle

Le basi
Lo stretching si è dimostrato utile per tutti i tipi di rigidità e dolori muscolari e articolari.

Quando si adotta un nuovo regime di stretching, andare piano. Si dovrebbe sentire gli stiramenti, ma non dovrebbero essere eccessivamente dolorosi. Se la sensazione di lieve sforzo si intensifica fino a qualcosa che assomiglia di più al dolore, rilassarsi sul tratto per prevenire ulteriori lesioni.

Si consiglia di tenere ogni stirata per 30 secondi fino a un minuto. Ricordati di fare respiri lenti e profondi durante lo stretching. Respirare attraverso il naso ed espirare attraverso il naso o dalla bocca.

Ritrazioni del mento
Cominciare seduti in posizione neutra. Poi ritirare il mento all’indietro. Poi tornare alla posizione neutra. Sentirete una contrazione nella parte posteriore del collo. Ogni volta che vi ritirate, sentirete una sensazione di tensione nella parte anteriore dei muscoli del collo e un corrispondente allungamento alla base della testa.

Braccia d’aquila
Questo esercizio è particolarmente utile per aprire le spalle. Iniziare da seduti, a gambe incrociate o sui talloni. Allungare entrambe le braccia davanti a voi. Dovrebbero essere parallele al pavimento, con i palmi rivolti verso il basso. Tenendo le braccia dritte, incrociare il braccio destro sotto il braccio sinistro nella zona del gomito. Lentamente, avvolgete le mani l’una intorno all’altra. Toccare i palmi insieme. Lasciate cadere i gomiti e tenete gli occhi sulle dita davanti a voi.

Sentirete un tratto rinfrescante nella parte superiore della schiena e tra le scapole. Dopo circa sei-otto respiri, alza leggermente le spalle e sentirai che il tratto si sposta al centro della schiena.

Posa per il viso di mucca
Si presume che questo stretching abbia preso il suo nome perché la posizione in cui si trova il corpo alla fine del tratto assomiglia alla forma del viso di una mucca, quindi non prendere questo nome personalmente.

Per iniziare, sedetevi con le gambe distese davanti a voi. Poi, piegare le ginocchia, avvicinando i piedi al corpo. Far scorrere la gamba destra sotto la sinistra, riportando il piede destro indietro verso l’anca sinistra. Il passo successivo è disegnare il piede sinistro all’anca destra, impilando il ginocchio sinistro direttamente in alto a destra. È come una posizione a gambe incrociate modificata.

Se questa posizione seduta è scomoda, puoi modificarla seduto sui talloni.

Il passo successivo è quello di sollevare il braccio sinistro in aria, piegarlo al gomito e scendere lungo la testa lungo la schiena. Allo stesso tempo, allungate il braccio destro dietro di voi con il braccio destro, e piegatelo al gomito in modo che l’avambraccio destro sia contro la spina dorsale e la stessa mano sia appoggiata tra le scapole.

Poi, intrecciate le dita di ogni mano insieme, ma solo se questo range di movimento è a vostra disposizione. Se le dita non riescono a raggiungere l’altra mano, usate una cinghia, una cintura o un asciugamano, afferrandola con ogni mano. Infine, piegarsi in avanti, portando il petto fino alle ginocchia. Ripetere la posa sull’altro lato dopo aver tenuto premuto per 30 secondi per un minuto.

Stretch da parete in piedi
Iniziare affrontando un muro, a circa 12 pollici di distanza da esso. Sollevare le braccia sopra la testa e appoggiare i palmi delle mani contro il muro. Cernierare leggermente in avanti, piegando le ginocchia.

Allungamento della lama a spalla
Rimani in piedi con i piedi a distanza di larghezza dell’anca. Sollevare le braccia sopra la testa e rivolti verso i palmi delle mani da toccare. Poi gira lentamente verso destra, sentendo un profondo stiramento nella parte posteriore della spalla destra. Trattenere per alcuni respiri e commutare i lati.

Mezzo drago volante
Comincia steso a faccia in giù sullo stomaco. Posizionare la mano destra sul pavimento vicino al petto e spingere leggermente verso l’alto. Spostare il braccio sinistro sotto il petto, quindi appoggiare il peso verso il basso. Fate questo delicatamente, specialmente se state mettendo peso su una spalla dolorante. Tenere per una manciata di respiri e poi passare da un lato all’altro.

Triangolo
La posa a triangolo aiuta a rafforzare i muscoli del collo. Dal momento che questi muscoli sono collegati alle spalle, il loro rafforzamento può aiutare con il dolore e prevenire ulteriori lesioni.

Per iniziare, alzarsi in piedi con le gambe distanti. Allungare le braccia su entrambi i lati. Dovrebbero essere parallele al pavimento. Ruotare il piede destro verso la parte anteriore della stanza e rivolto nella stessa direzione della testa. Lentamente incernierare in avanti verso la parte anteriore della stanza. Mantenere le braccia nella stessa posizione tesa verso l’esterno, e noterete che la mano destra cadrà per incontrare la caviglia destra.

A seconda di ciò che è comodo, è possibile scegliere di guardare verso l’alto o verso il basso.

4. Sedia reclinabile

Per alcune persone con dolore alle spalle, l’atto di sdraiarsi è pura agonia. Si può trovare più comodo dormire in posizione reclinata. Un’opzione è quella di appoggiarsi con una miriade di cuscini in modo da rimanere semi-seduti mentre si dorme.

Oppure, cercando di dormire in una vera e propria poltrona reclinabile o di investire in un letto regolabile che permette di cambiare posizione ogni volta che è conveniente.

5. Impacco ghiacciato

Questi impacchi sono come impacchi di ghiaccio progettati appositamente per la spalla. Lavorano ghiacciando la spalla e hanno un sistema di cinghie che tiene in posizione lo zaino. A seconda del modello che si ottiene, ci può essere un’opzione per pompare l’aria nell’involucro, per consentire una maggiore pressione e compressione. La pressione dell’aria assicura inoltre che il pacchetto gel freddo copra l’intera superficie delle parti del corpo doloranti.

6. Antinfiammatori

Ci sono un sacco di farmaci per aiutare con l’infiammazione come Advil o Aleve, ma si prega di consultare il proprio medico prima di prendere qualsiasi cosa, perché ci sono effetti collaterali documentati. Se siete alla ricerca di una soluzione più naturale, il succo di ciliegia crostata è noto per la sua efficacia.

7. Cuscino/Sistema di supporto per le spalle

Un sistema di supporto per le spalle è una sorta di cuscino, ma il costruttore è pronto a sottolineare che avete ancora bisogno di un cuscino regolare. Il “sistema” funziona avendo un’area scanalata per il braccio e la zona delle spalle. L’idea alla base di questa geniale invenzione è che le persone che dormono lateralmente non hanno un posto comodo per riposare il braccio, e ora lo hanno!
Con questo sistema, il corpo viene rialzato con una fessura per posizionare il braccio e la spalla per evitare qualsiasi peso inutile. Questa cosa che non è un cuscino (anche se ha esattamente lo stesso aspetto di un cuscino) è un must.

8. Yoga

Lo yoga è una pratica utile per quasi tutti, non solo per le persone con dolore alle spalle di notte. Comprende lo stretching di tutto il corpo e la costruzione della forza nei muscoli del collo e della schiena che circondano l’area.

Se hai dolore, alcune delle posizioni standard potrebbero essere una sfida, ma se ci si sente a proprio agio, è probabile che lo yoga aiuti ad aumentare la forza e la salute delle spalle!

9. Terapie interventistiche

Se il dolore è acuto e persistente, il corpo potrebbe aver bisogno di aiuto per la guarigione. La fisioterapia e la chiropratica sono entrambe strategie utili, e sia un fisioterapista o chiropratico può consigliare un piano di trattamento ottimale.

C’è anche la possibilità di ottenere iniezioni mediche, sia PRP (proteine ricche di plasma) o iniezioni articolari. Entrambe le iniezioni possono alleviare il dolore, ma le iniezioni di PRP aiutano anche nella guarigione. Sono disponibili anche farmaci.

10. Intervento chirurgico

Questo percorso è solitamente riservato come ultimo risultato per le lesioni estreme o in persone anziane che non hanno la stessa probabilità di guarire dal dolore da soli. Tuttavia, la chirurgia comporta anche i suoi rischi, specialmente nelle popolazioni più anziane.

Segnali da tenere d'occhio

1. Eccessiva rigidità e gonfiore

Se la spalla o la cuffia dei rotatori è così rigida o gonfia che non è possibile spostarla, si dovrebbe considerare la possibilità di consultare un medico professionista. Spesso, i sintomi peggiorano prima di migliorare, quindi una visita dal medico può essere in ordine.

2. Difficoltà di movimento

Che si tratti di spalla congelata o semplicemente non è possibile muoversi, l’immobilità potrebbe essere il segno di qualcosa di più serio. Di nuovo, consultate il vostro medico per escludere qualcosa di sinistro.

3. Febbre o brividi

Le febbri e i brividi sono spesso sintomi di un’infezione. Potrebbe non essere correlato al dolore alla spalla, ma si consiglia di essere più sicuri che dispiaciuti.

4. Costante per più di 4 giorni o ad intermittenza per 2 settimane.

Un lieve caso di sovraffaticamento guarirà da solo, ma un dolore di lunga durata potrebbe essere un segno di una lesione più grave. Se si tratta di una lacrima, ricordate che può diventare più grande o cronica se non viene trattata correttamente.

5. Perdita di peso

Forse il dolore sta influenzando il tuo appetito, e hai perso qualche chilo. O, forse la vostra perdita di peso recente è un indicatore di una condizione di fondo.

6. Eccessivi sudori notturni

A meno che non ci siano cento gradi nella vostra camera da letto o che stiate passando attraverso la menopausa, sudorazione eccessiva di notte non dovrebbe essere un evento comune. Tenete a mente che il sudore è un modo per il corpo di rilasciare tossine, quindi se vi state svegliando in una pozzanghera del vostro sudore, potrebbe essere il momento di farvi esaminare la spalla.

Domande Frequenti​

Ci sono alcune ragioni per questo fenomeno:

  1. Durante il giorno, ci si sposta di più. Mentre ci si accontenta della sera, i movimenti rallentano, diminuendo il flusso sanguigno e sostituendolo con rigidità e dolore.
  2. Sdraiato sposta l’equilibrio del peso sulla spalla. Si può scoprire che si può ottenere attraverso il giorno perfettamente ok, ma sdraiato a letto è tutta un’altra storia.
  3. Hai meno da distrarti. La vostra giornata lavorativa potrebbe essere stata incredibilmente frenetica e non c’è stato un momento per soffermarsi su tutto ciò di cui potreste aver bisogno, come cibo, acqua o una pausa in bagno. Ma quando sei a letto e solo con i tuoi pensieri, la mancanza di distrazioni potrebbe farti concentrare di più sul dolore.
Forse. La risposta a questa domanda dipende dal tipo di lesione o dolore che stai vivendo. Il modo migliore per affrontarla è provarla e vederla. A volte esercitare una pressione sulla spalla può essere d’aiuto. Altre volte, è l’esatto contrario.
Uno dei modi più confortevoli per dormire dopo un intervento chirurgico alla cuffia dei rotatori è seduto. Questa posizione può essere quella di sdraiarsi nel letto circondato da cuscini o letteralmente seduti in una poltrona reclinabile.
Scroll to Top