Aborto spontaneo: Segni, Trattamenti e Prevenzione

Aborto spontaneo: Segni, Trattamenti e Prevenzione 2
Tempo Di Lettura: 6 minuti
L’aborto spontaneo è un rischio reale durante la gravidanza, ma non dovresti preoccuparti. Invece, informatevi sulle probabilità di contrarre l’aborto, le ragioni, i suoi segnali di avvertimento e i modi per evitarlo. Questo post vi fornisce tutte queste informazioni.

Che cos'è un aborto spontaneo?

Un aborto è una perdita inaspettata di gravidanza prima della ventesima settimana di gravidanza. Circa il 10-20% delle gravidanze termina con un aborto spontaneo durante il primo trimestre. Si dice che l’aborto è precoce se è prima delle 12 settimane e tardivo se si verifica nel secondo trimestre tra la 12° e la 24° settimana.Conosciuto anche come aborto spontaneo, l’aborto spontaneo è un evento naturale che potrebbe accadere a causa di diversi fattori medici.Alcuni aborti si verificano anche prima che una donna perda il ciclo mestruale.

Quali sono i tipi di aborto spontaneo?

Ci sono diversi tipi di aborto in base a come avviene.

  • Pericolo di aborti spontanei: Ci sono lievi macchie o emorragie durante il primo trimestre, ma la gravidanza continuerà.
  • Aborto spontaneo completo: L’intero tessuto della gravidanza, compresi l’embrione, il feto e la placenta, si perde nel sanguinamento.
  • Incompleto aborto spontaneo: Solo una parte del tessuto viene passata con sanguinamento, mentre una parte rimane ancora nell’utero.
  • Aborto spontaneo mancante, ritardato o silenzioso: C’è la morte embrionale, ma nessuna espulsione del tessuto o sanguinamento.
  • Aborto spontaneo ricorrente (ripetuto): Si perdono tre o più gravidanze consecutive.
  • Aborto spontaneo settico: L’aborto spontaneo si infetta. Potrebbero esserci dolori addominali, emorragie e scariche con un cattivo odore.
  • Ovuli rovinati (gravidanza embrionale): Ci sono una placenta e un sacco amniotico, ma l’embrione non cresce.
  • Gravidanza ectopica: L’uovo fecondato non si impianta nell’utero ma in altri luoghi, soprattutto nelle tube di Falloppio.
  • Gravidanza molare: Una gravidanza anormale in cui un ovulo fecondato non vitale si impianta nell’utero e non si sviluppa.

Un aborto spontaneo può lasciarti depresso e triste. Alcune donne potrebbero anche incolpare se stesse per questo. Ma questa è un’ingiustizia che si fa a se stessi. Un aborto spontaneo non è colpa tua perché si verifica a causa di vari motivi.

Quali sono le cause dell'aborto?

Un aborto spontaneo di solito accade se il feto non riesce a svilupparsi a causa di un’anomalia cromosomica. Ci sono anche altre ragioni, come discusso di seguito:

  • Anomalie cromosomiche: Diversi aborti nel primo trimestre sono dovuti a disturbi cromosomici. I cromosomi sono strutture di cellule che contengono geni. Sia l’ovulo che lo sperma portano all’embrione 23 cromosomi ciascuno, e se uno qualsiasi dei cromosomi diventa difettoso, si verifica un’anomalia genetica e può impedire la crescita dell’embrione.
  • Anomalie ormonali: Lo squilibrio nei livelli ormonali, come i bassi livelli di ormone progesterone, impedisce all’ovulo fecondato di impiantare. Inoltre, problemi ormonali, come il PCOS, potrebbero aumentare il rischio di aborti .
  • Problemi uterini o cervicali: Alcune anomalie uterine congenite (come l’utero settato o bicornuato), fibromi uterini, aderenze uterine (bande di tessuto cicatriziale) o una cervice anormale o debole possono impedire l’impianto dell’uovo o influenzare il flusso sanguigno verso la placenta.
  • Malattie croniche: Diabete non trattato o mal controllato, problemi tiroidei, malattie cardiache, malattie epatiche e renali e malattie autoimmuni (come il lupus) creano un ambiente uterino sfavorevole allo sviluppo dell’embrione.
  • Febbre alta: se si ha una febbre anomala con una temperatura interna superiore a 39° durante la prima gravidanza, questo potrebbe danneggiare l’embrione e causare la perdita di gravidanza.
  • Il rischio di avere un aborto spontaneo è alto se si è favorevoli a determinati fattori.

Quali sono i fattori che aumentano il rischio di aborto spontaneo?

Quali sono i fattori che aumentano il rischio di aborto spontaneo?
La tua età e le tue abitudini di vita potrebbero interferire con lo sviluppo embrionale (o fetale), aumentando il rischio di aborto spontaneo. Tali fattori includono:

  • Età materna avanzata
  • Aborti precedenti
  • Fumo, consumo di alcol e droghe
  • Essere sottopeso o sovrappeso
  • Dieta povera o malnutrizione
  • Traumi come gli incidenti
  • Alcuni farmaci come i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei)
  • Tossine ambientali
  • Le vostre probabilità di aborto spontaneo sono anche maggiori se concepite entro tre mesi dal parto.

Quali sono le probabilità di avere un aborto spontaneo?

I medici e gli anziani in famiglia ci chiedono di essere molto attenti durante i primi tre mesi di gravidanza, e quando la gravidanza avviene negli ultimi anni ’30 o più tardi. Questo perché in questi casi le possibilità di aborto spontaneo sono elevate. Una donna che ha un precedente aborto spontaneo ha il 25% di probabilità di averlo di nuovo.

Segni e sintomi dell'aborto spontaneo

Segni e sintomi dell’aborto spontaneo
I sintomi variano a seconda dell’età gestazionale e del fattore causale. In alcuni casi, non si sa nemmeno di aver avuto un aborto spontaneo che passa come un periodo. Contattare il proprio medico se si verifica uno qualsiasi di questi sintomi:

  • Individuazione o sanguinamento dalla vagina
  • Tessuto o coaguli di sangue che passano dalla vagina
  • Dolore alla parte bassa della schiena o dell’addome
  • Crampi da lievi a gravi
  • Improvvisa perdita di peso
  • Una diminuzione dei sintomi della gravidanza, come nausea e vomito

Ricordate che questi sintomi potrebbero manifestarsi anche senza aborto spontaneo. Il medico condurrà gli esami richiesti, l’ecografia e l’esame pelvico per individuare la causa di questi sintomi.

Qual è il trattamento in caso di aborto spontaneo?

Il trattamento dipende dal tipo di aborto spontaneo. Se non ci sono residui di tessuto di gravidanza nel corpo, non è necessario alcun trattamento, ma se c’è del tessuto, è probabile che si abbiano i seguenti trattamenti:

Gestione delle aspettative: Si tratta di controlli frequenti per vedere se il tessuto rimanente è svenuto naturalmente.
Gestione medica: Farmaci (come il misoprostol) vengono somministrati per aiutare il tessuto della gravidanza a passare fuori dal corpo. Si contrae principalmente l’utero, rilasciando i tessuti.
Gestione chirurgica: Il tessuto rimanente viene rimosso chirurgicamente con dilatazione e curettage (D&C). Qui si apre la cervice e si utilizza uno strumento di aspirazione o curette per rimuovere il tessuto della gravidanza dall’utero.
Le complicanze associate a queste opzioni sono minime; pertanto, è possibile verificare con il proprio medico e conoscere il trattamento migliore per voi.

Quanto tempo ci vuole per riprendersi da un aborto spontaneo?

Fisicamente, potrebbe volerci da qualche settimana a un mese o più perché il tuo corpo si riprenda. Dipende da quanto siete stati in gravidanza prima dell’aborto spontaneo. Gli ormoni di gravidanza possono durare nel sangue per un paio di mesi dopo l’aborto, e si otterrà il vostro periodo normale in quattro o sei settimane. Si dovrebbe evitare di usare tamponi o fare sesso per circa due settimane dopo l’aborto.

Emotivamente, potrebbe volerci più tempo per riprendersi. L’intera esperienza potrebbe lasciarti confuso o arrabbiato. Potrebbe essere necessario il sostegno del partner, della famiglia e degli amici. Evitare di essere soli e tenersi occupati in modo da poterne discostarsi. Unisciti a una comunità dove puoi parlare con coppie che hanno avuto un’esperienza simile.

Quando si può rimanere incinta dopo un aborto spontaneo?

E’ bene aspettare di guarire sia fisicamente che emotivamente. Anche se è probabile che si riprenda il ciclo mestruale in quattro o sei settimane, aspettare di avere un paio di cicli in modo da recuperare completamente.

Si può prevenire un aborto spontaneo?

Poiché la maggior parte degli aborti si verifica a causa di anomalie cromosomiche, non c’è nulla che si possa fare per prevenirli. In generale, potete seguire le seguenti misure di sicurezza per rimanere in salute e rafforzare la vostra gravidanza.

  • Avere una dieta sana ed equilibrata, e anche evitare cibi dannosi per la gravidanza.
  • Evitare di fumare, bere alcool e droghe.
  • Mantenere un peso sano prima del concepimento.
  • Prendere integratori di acido folico o vitamine prenatali prima e durante la gravidanza.
  • Andare a regolari controlli prenatali e analisi del sangue, e anche controllare le vaccinazioni per le condizioni mediche croniche.
  • Rivelare l’anamnesi al ginecologo.
  • Evitare il consumo eccessivo di bevande contenenti caffeina.
  • Non sforzatevi eccessivamente.
  • Gestire i livelli di stress praticando tecniche di respirazione profonda, yoga o meditazione.
  • Seguire pratiche di sesso sicuro.
  • Stai lontano dai rischi ambientali come le radiazioni, i raggi X e le malattie infettive.

La perdita di gravidanza può essere dolorosa, ma dovete sapere che non è la fine. Non incolpare se stessi per quello che è successo. Capire le ragioni di ciò, e prendersi cura della propria salute in modo che la prossima gravidanza sia sana. Tuttavia, non abbiate fretta di rimanere incinta subito dopo un aborto spontaneo. Datevi il tempo di recuperare e costruire la fiducia che si può tenere un bambino ora.

Scroll to Top